Memoria in Movimento scrive al Prefetto